Fatima e le sue due mamme

Una mia amica qualche mese fa mi ha regalato un libro, che già diversi mesi prima mi aveva mostrato. Un libro coloratissimo per bambini, uno dei preferiti di sua figlia.

“Di mamma ce n’è una sola” di Isabella Paglia. Una storia scritta in modo semplice e accompagnata da disegni colorati per spiegare ai bambini che si può venire al mondo in modi diversi. Si parla di concepimento naturale, di quello in provetta e dell’ adozione. Si parla della mamma.

Ho letto questo libro diverse volte e inizialmente riflettendo sul titolo. Dissi a me stessa che quelle poche parole male esprimevano uno degli aspetti dell’adozione. Certo, secondo il mio punto di vista.

Mi sono soffermata successivamente sulle immagini, poi sul testo e soprattutto sulle pagine che parlano di adozione. L’autrice parla della “mamma di pancia”  e dell’incontro della piccola Fatima con la sua mamma adottiva. La bimba in proposito dice alla sua amica:”Io e la mia mamma Martina eravamo sole. Un giorno ci siamo incontrate e ci siamo adottate. Adesso io ho due mamme. Esistono anche due mamme”. Ecco stavo leggendo la verità, nella storia dei nostri bambini ci sono due mamme. E’ un fatto oggettivo, la mamma che lo ha concepito e l’ha messo al mondo e la mamma che lo cresce e lo accompagna nella vita. Aldilà delle circostanze, delle storie tutte diverse dei bambini adottati, ritengo sia fondamentale questa considerazione.

Spesso mi trovo a leggere storie di famiglie adottive che preferiscono usare la parola mamma solo riferendosi alla figura materna che sta crescendo loro figlio, messo al mondo da un’altra donna o più genericamente da una signora. Ogni volta mi fermo e sul viso mi sento sempre la stessa espressione contrariata e nella mia testa dico:”No!”.  Certo, è il mio punto di vista. Ognuno è libero di pensare, fare e dire ciò che vuole.

Credo anche sia giusto, quando si cammina nell’adozione, farsi le giuste domande e cercare dentro di se’ le sincere risposte.

Esistono due mamme ed è fondamentale che ci siano entrambe nella storia che racconteremo al nostro bambino. La sua vita non inizia con noi genitori adottivi, per quanto forte sia stato il desiderio di lui nel nostro cuore. Un desiderio che abbiamo nutrito d’amore nel tempo dell’attesa, lo stesso sentimento infinito che gli trasmettiamo ogni giorno da quando lo abbiamo incontrato. La sua vita ha avuto inizio nella pancia della mamma, che l’ha concepito insieme al suo papà biologico e da lì ha avuto seguito. Le vicende poi  possono essere le più svariate, come il fardello che appesantisce le storie dei nostri figli.

Il libro termina dicendo:”..una mamma ti può far crescere dentro o fuori dalla sua pancia …  ma la tua mamma ti fa sempre vivere con lei” e quest’ultima frase è accompagnata dal disegno del volto di Fatima dentro ad un cuore grande.

Cosa ne pensate? Conoscete questo libro, vi è piaciuto?

Scrivetemi il vostro commento… a presto!

foto

Annunci

2 pensieri su “Fatima e le sue due mamme

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...