L’incontro

Adottare è scegliere di accogliere una stella venuta da lontano, darle la possibilità di continuare a brillare amandola e accompagnandola per tutta la vita. Senza mai dimenticare chi l’ha messa al mondo, ringraziandola per aver scelto di farlo.
E così continua questa storia, nell’attesa di conoscere la creatura che nella bolla continua a ridere con i suoi occhi lucenti”

Riprendo dal post intitolato “L’attesa”, il cui esordio era la scelta di diventare genitori con l’adozione.

Ebbene, amiche e amici che mi leggete, il 30 ottobre 2013 ad un anno esatto dall’incontro magico con il giudice, siamo stati chiamati con la notizia più strepitosa della vita. Siamo stati scelti per il nostro piccolo tesoro. Indescrivibile l’emozione, come un’onda energetica che t’investe cambiando la tua vita, stravolgendola al meglio, così velocemente da non accorgersene nemmeno. 

Scrivo questo post, sì come prosieguo della storia, ma non solo. 

In questi mesi più volte ci siamo sentiti dire ” che bel gesto che avete fatto, è ammirevole” e ogni volta nella mia testa è scattato sempre lo stesso pensiero, ” non è stata carità la nostra, bensì il desiderio di diventare mamma e papà”. 
Mi spiego meglio. Purtroppo la cultura legata all’adozione è molto povera e poco conosciuta, se ne parla sempre troppo poco e spesso per stereotipi, se non addirittura in modo sbagliato. Solamente avvicinandosi al percorso che si compie con essa si ha l’opportunità di comprenderla meglio.
Ho parlato di scelta e di accoglienza, parlo ora di “Incontro“, tra un bambino e due potenziali genitori, il primo con il diritto di avere una famiglia che lo ami, lo accudisca e lo accompagni nella vita e poi una mamma e un papà, che lo hanno desiderato tanto dentro al loro cuore per molto tempo. E’ così magico quell’attimo in cui gli sguardi s’incrociano e si sfiorano delicatamente come in una carezza. Credetemi, la carità è ben altro, questo è amore incondizionato, lo stesso che i genitori naturali provano per i loro piccoli. L’amore non si categorizza, mai!

Non voglio essere ammirata per aver scelto di diventare mamma, ho solo seguito una strada dal percorso poco conosciuto. Invece, credo che oggi giorno la scelta di “dare vita alla vita” sia il gesto vero da ammirare, a prescindere dalle storie di cui è pieno il mondo.

Grazie!

Annunci

3 pensieri su “L’incontro

  1. Che belle parole. Sacrosante. A me è scesa anche qualche lacrimuccia, forse perché anche io sono mamma da (relativamente) poco tempo. Un bambino è davvero il dono più prezioso del mondo, qualunque sia il percorso che l'abbia portato a noi!

    Mi piace

  2. Grazie Eleonora! Concordo con te.
    Tra l'altro ho letto dei passi del libro “Il codice dell'anima” che spiegano che nulla è casuale, nemmeno nel percorso di queste piccole stelle prima di scendere sulla Terra :-)…. cosa ne pensi?

    Mi piace

  3. Pingback: Le tre grandi emozioni della settimana | Scrivendo digitale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...